ASCONA 2018

ASCONA 2018: GLI STATI UNITI D’EUROPA DA SOGNO A NECESSITÀ

ASCONA, Svizzera 
 giovedi 8 novembre 2018 

L’Europa ha un futuro? Sì a condizione che cambi radicalmente.

 L’Unione Europea è arrivata al capolinea: non è più in grado di reggere alle sfide che dall’interno e dalla globalizzazione hanno una portata storica, nè è più in grado di svilupparne tutte le potenzialità presenti ancora in tutti i territori del vecchio Continente.

Tornare indietro ci spingerebbe verso un vero e proprio disastro.

Gli Stati Nazione, anche quando i sovranisti e i populisti la pensino allo stesso modo, hanno un grado di conflittualità insostenibile e distruttivo. Allo stesso tempo gli Stati Nazione non hanno le caratteristiche per ambire al ruolo di guidare e regolare la globalizzazione al fine di cambiarne i caratteri ingiusti e rovinosi dell’eco-sistema.

Alla crisi dell’Unione Europea si può rispondere solo in un modo: puntando dritti verso gli Stati Uniti d’Europa. Gli Stati Uniti d’Europa per la loro variegata dimensione culturale e sociale possono diventare una risorsa dinamica e condivisa per la soluzione della crisi in cui versa oggi l’Europa. 

Ad Ascona, nel Canton Ticino, in una magnifica cornice ambientale e culturale, metteremo a fuoco il carattere federale degli Stati Uniti d’Europa ispirandoci al Manifesto di Ventotene di Rossi e Spinelli e a Churchill che in Svizzera nel ‘46 lanció proprio l’idea degli Stati Uniti D’Europa.

Sarà una prima tappa di un cammino culturale e progettuale, che avrà a Napoli un secondo momento sugli Stati Uniti d’Europa nel Mediterraneo. Altri momenti e altre tappe caratterizzeranno un itinerario appassionante e partecipato.

Fondazione Caponnetto
Fondazione Mediterraneo


Commenti

  1. Iniziativa cogente ed opportuna, dobbiamo ripartire dal proselitismo delle opportunità. Dalla necessità umana di essere comunità, dalla ricchezza della nostra Storia. Insieme, genti, generazioni, donne e uomini che conoscono i bisogni e i sogni di un popolo che è già nato in Europa, possiamo spostare in avanti la frontiera mobile dei diritti e dei doveri prescritti nella Carta. Possiamo provocare un'onda ideale positiva e propositiva che dovrà far avanzare un inedito progetto della cultura socialista europea. Viva gli Stati Uniti d'Europa!

    RispondiElimina

Posta un commento